• Come sopravvivere all'amore,  Dal Diario di Saso,  racconti

    Venuta al mondo

    Per prima cosa abbassò lo sguardo e si scoprì i piedi. Aveva aperto gli occhi sul verde di un prato sconfinato ma non avendone mai fatta esperienza si era messa a piangere. Le lacrime le erano venute fuori dagli occhi senza che lei se ne accorgesse, o sapesse cosa fossero le lacrime e gli occhi. Ora questi piedi, che non avevano senso, non si presentavano, non comunicavano nulla, trattenevano la sua attenzione. Se ne spaventò, più di prima di fronte alla distesa di alberi e cespugli ed erbetta fine. In un certo senso era stato proprio il campo che aveva intorno a indicarle i piedi, a spingerla a cercarseli. Aveva…

  • Come sopravvivere ai Calabresi,  Dal Diario di Saso

    Che mangiamo stasera?

    – Mamma che mangiamo stasera? – Cosa vorresti mangiare? – Non lo so, calamari? – Non ce n’è, calamari. – Pesce spada? – È congelato, se lo tiro adesso fuori dal freezer mangiamo per le 11. – E allora boh, non so. – Possibile che solo pesce vorresti mangiare? – No, no, ci sono le piadine? – Finite. Domani mando papà a comprarle. – E va bene, dai, fai tu. – Eh, ma tu dimmi cosa vuoi che ti cucini e io te lo cucino. – Mamma, che ne so, almeno dimmi cosa c’è in casa. – E cosa c’è? Tante cose! Abbiamo… che ne so… c’è un sacco di…